Travel, Food, Fashion, Beauty... and all other things make me happy

giovedì 24 luglio 2014

[Travel experience] Frammenti di occidente siciliano #3

Hey!! Ciao a tutti! Dopo numerosi giorni di assenza (già, mi sono persa in ciance), bentrovati fra le pagine del mio blog. Con questo post il viaggio nella Sicilia occidentale giunge al termine. Ma è soltanto un arrivederci. eh?! ;-)


In questa parte di viaggio vi racconterò di altre mille sorprese che la Sicilia ha riservato per me e per i miei occhi, cominciando con gli incredibili colori che ho visto passeggiando per la Riserva dello Zingaro e che mi hanno ricordato un po' quelli magici della Grecia...
Ecco perché quando gli Elleni sbarcarono su queste coste, furono lieti di occupare i territori adiacenti e fondare le loro civiltà non facendosi mancare proprio nulla della loro cultura,  compresi i templi. In questo modo, dopo 2000 anni, abbiamo ancora la possibilità di ammirare le straordinarie eredità artistiche che ci hanno lasciato.






La Riserva naturale orientata dello Zingaro è un'oasi intatta, come madre natura la fece. Le uniche contaminazioni sono l'acqua, la terra e la vegetazione. L'area, molto estesa, può essere esplorata soltanto a piedi attraverso sentieri tracciati da segnali in cui è anche indicato il tempo di percorrenza, in modo da poter scegliere il percorso più appropriato ai vostri desideri.
Il percorso, che si estende da San Vito lo Capo a Scopello, è intervallato da piccoli musei che custodiscono storie di vita trascorsa in questi luoghi, come un'antica casa rurale nella quale è allestito il museo della civiltà contadina, arredata ed attrezzata secondo le antiche usanze del luogo con suppellettili ed utensili in fibre vegetali e fatti tutti a mano.


 
Accanto al museo della civiltà contadina, si trova uno dei più importanti siti archeologici della Sicilia [cit.], la Grotta dell'Uzzo, dove sono state rinvenute tracce di vita umane e animali risalenti a 10.000 anni fa.








Percorrendo ancora il tragitto che abbiamo scelto per esplorare la riserva, troviamo il museo dell'intreccio, detto anche casa di Hans, dove sono esposte creazioni realizzate usando la tecnica dell'intreccio delle fibre vegetali (un sacco di borsine carine!!). E' chiamata anche casa di Hans, perché qui un tedesco visse come un eremita per un po' di anni.














Questa preziosa parte di costa siciliana è rimasta intatta grazie anche alla volontà della popolazione locale che ha tenuto lontani progetti di infrastrutture ed edilizia, e con la legge regionale del 98/1981 viene istituita come prima riserva naturale della Sicilia.


In una fattoria didattica faccio un piacevole incontro: un tenerissimo mulo di nome Nerone, molto docile e smanioso di ricevere coccole... Ma perché mai le friendship con gli esseri umani non sono così semplici come quelle che si creano con gli animali? Mah...


Infine, prima di giungere al termine della perlustrazione per i sentieri della riserva, visitiamo il museo delle attività marinare, dove è possibile documentarsi sulle specie ittiche locali e le tecniche utilizzate per la pesca, tra cui una riproduzione in scala di una tonnara.






Lasciamo la Riserva Naturale Orientata dello Zingaro, diretti a visitare Scopello ed i suoi faraglioni, dei quali devo accontentarmi solo di una foto scattata dall'alto: era il primo maggio e la zona pullulava di gente e di macchine parcheggiate ovunque, con tanto di carabinieri che facevano le multe. Siamo riusciti giusto a fermarci a Scopello per visitare il piccolo borgo e gustarci una deliziosissima brioche con gelato.








La sosta a Scopello fu proprio breve, il borgo marinaro è molto piccolo e si gira in fretta, pertanto prima di tornare a San Vito lo Capo per la cena, riprendiamo la macchina e decidiamo di dirigerci verso Castellammare del Golfo per fare un giretto anche lì.




Il giorno seguente si riparte verso le ultime mete del nostro viaggio: Palermo e Monreale
Decidiamo di pernottare a Monreale per evitare il caos del grande capoluogo e per godere di un po' di tranquillità, ignari del fatto che proprio in quei giorni a Monreale si festeggiava il Patrono del SS Crocifisso, in occasione del quale accorrono siciliani da ogni dove. Ciò sfortunatamente non ci ha consento di trovare un B&B all'altezza delle nostre aspettative e delle altre strutture ricettive che ci hanno ospitato lungo il nostro viaggio. Non è che fosse una brutta struttura, ma visto quello che può offrire il panorama dei B&B in Sicilia, questo di Monreale non è stato proprio il massimo, infatti non lo menzionerò anche per una questione di correttezza nei confronti del titolare che tuttavia si è dimostrato molto gentile nei nostri confronti. Vabbè... non può mica andare sempre benissimo!? :)

Ed ecco Palermo...
Palermo, la città che all'inizio ha voluto un po' prendermi in giro, che mi ha fatto dubitare della sua grandezza, ma che all'improvviso mi ha conquistato con i suoi gioielli di architettura antica ed il suo centro storico dalle cui pareti dei suoi vecchi palazzi trasuda il naturale trascorrere del tempo, con una fatiscenza che affascina.
Come ogni città che ha tanto da raccontare, Palermo va consumata con le proprie scarpe, bisogna perdersi e farsi rapire dagli scorci fatti di luci e ombre, di chiaroscuri, dalla gente dei mercati che mette in mostra la loro sfacciata sicilianità che io adoro, per poi tornare a fare gli intellettuali ammirando le grandi eredità che ci hanno lasciato normanni, arabi e spagnoli.

Teatro Massimo Vittorio Emanuele - 1897

Teatro Politeama Garibaldi - 1865

Chiesa di S. Domenico - 1458

Uno degli angoli che preferisco di Palermo: il mercato di Ballarò. Qui vengono venduti prodotti di ogni genere, dagli articoli per la casa ai generi alimentari e qualcuno si diletta anche a cucinare carne e pesce alla griglia!



Piazza Pretoria e la Chiesa di Santa Caterina - XVI sec.


Tre dei Quattro Canti, in Piazza Vigliena - 1600

Piazza Bolognini, con la statua dedicata a Carlo V - XVI sec.

La Cattedrale dedicata alla Santa Vergine Maria Assunta, originaria del XII secolo ha subito numerosi rimaneggiamenti nel corso degli anni, collezionando una serie di stili tra cui il gotico catalano risalente al XV secolo.



Per cena effettuiamo una spedizione in località Sferracavallo, dietro consiglio di un amico, al ristorante La Barca. Un ampio locale che offre un menù a prezzo fisso con una riga di portate da non poterne più (nella foto sono solo alcuni degli antipasti). Ecco, non ci si deve aspettare portate da ristorante 5 stelle, ma la cena è stata piacevole, tutti i piatti buoni ed il prezzo decisamente modesto. Insomma, l'esperienza sensoriale al ristorante La Barca doveva essere fatta!

Il giorno seguente una maledizione si scagliò sulla mia macchina fotografica, o meglio, fu semplicemente sbadataggine. La mia. 
Il tempo atmosferico era un po' instabile e una goccia di quella pioggia che si alternava al sole colpì l'obiettivo della macchina, e di questo me ne accorsi soltanto quando scaricai le foto a viaggio oramai terminato. Pertanto chiedo venia per alcuni fastidiosi aloni presenti in qualche foto.

La chiesa barocca del Santissimo Salvatore - 1682

L'interno di questa chiesa mi ha meravigliato. Ricca di decori e di affreschi resi prestigiosi dalla patina del tempo. E' una chiesa che merita assolutamente di essere visitata.





Piazza Bellini accoglie il complesso religioso delle Chiese della Martorana e di San Cataldo, che insieme al Palazzo dei Normanni, è quello che ritengo fra i più prestigiosi in Palermo.
La Chiesa Martorana, la cui denominazione originaria è Chiesa di Santa Maria dell'Ammiraglio o Chiesa dei Greci, appartiene a quegli edifici religiosi di origine bizantina da togliere il fiato. In essa sono custodite preziose decorazioni in mosaico dorato realizzate nel periodo medievale.





 


Chiesa di San Cataldo - 1154







Un altro mercato storico di Palermo è quello di Vucciria. Come Ballarò, anche questo dedalo di bancarelle è uno spettacolo a cielo aperto che si dirama per le antiche viuzze del capoluogo, teatro di sfide fra i mercanti a chi urla di più, orgogliosi dello stupore che i visitatori esprimono quando taluni personaggi sfoggiano la qualità dei loro buonissimi prodotti.


Come in Ballarò. anche in Vucciria è possibile trovare ogni bene che la terra può donare ed anche una notevole scelta di prodotti ittici
Lo vedete quell'essere oblungo, disteso sul bancone, proprio in mezzo alla foto qui sopra? Bene, è una sorta di calamaro gigante. Penso di non averne mai visto esemplari di quel tipo.... Ma sarà vero?




Fra gli obiettivi culinari di questo viaggio c'era anche lui, uno dei rappresentanti dello street food palermitano, u pani câ meusa. Il panino con la milza raggiunge il massimo della sua tipicità se mangiato in una delle minuscole trattorie nei mercati di Palermo. Concedetevi all'accaglienza degli osti e sedetevi al tavolo per trascorrere un momento di entusiasmante sicilianità.







Anche questa giornata trascorsa a Palermo si conclude nel migliore dei modi. La ricchezza architettonica del Palazzo Reale dei Normanni, attualmente sede dell'Assemblea Regionale Siciliana, parla di un periodo molto lontano in cui gli arabi prima ed i normanni poi, vollero donare di magnificenza la città.
Una particolarità degli stili architettonici, custoditi in questo grandioso edificio, conduce il visitatore verso luoghi e tempi lontani, verso moschee e sfarzosi castelli.

Cappella Palatina ed il colonnato esterno - 1140





La ricchezza di mosaici bizantini, fra i più importanti della Sicilia [cit.]







Passando dal sacro al profano, ci imbattiamo nella celebrazione della squadra del Palermo e della sua ascesa in serie A. Le strade si popolano di numerosi tifosi e si colorano di rosa-nero. Ecco - da grande inesperta e totalmente disinteressata al mondo del calcio - diciamo che tutto quel clamore l'ho trovato un po' troppo eccessivo :-/




Per l'ultima cena di questo viaggio siciliano, degustiamo una specialità locale che ancora non avevamo assaggiato. 
U sfinciuni, prodotto tipico della gastronomia palermitana anch'esso appartenente alla famiglia dei cibi da strada, composto da una pasta simile a quella della pizza, molto molto morbida dalla consistenza spugnosa (infatti il nome deriva dal latino spongia = spugna) ricoperta da una farcitura di pomodoro, cipolle, acciughe e origano. E' possibile mangiare un buonissimo sfincione dalla pizzeria Fratelli Di Giovanni, in Via Leonardo da Vinci, dove bisognerà armarsi di un po' di pazienza per affrontare la coda di clienti, tuttavia il personale è efficiente ed il servizio rapido.

Il nostro viaggio nella splendida Sicilia occidentale si conclude qui, a Monreale con la visita del borgo e del suo Duomo.
Il Duomo dedicato a Santa Maria Nuova è un gioiello di architettura che ha origini medievali il cui interno risplende di mosaici bizantini dorati, stile ritrovato anche in altri edifici in Palermo. Altri interventi stilistici realizzati nel periodo rinascimentale e barocco arricchiscono l'opera architettonica.

Cattedrale di Santa Maria Nuova - 1174

La parte superiore delle pareti laterali e delle navate è completamente rivestita di mosaici bizantini. La straordinaria bellezza dei dettagli è impressionante!






Un'altra parte del Duomo che mi ha affascinato è il suo transetto: seppur ispirato ad uno stile normammo arabeggiante, la particolare decorazione di questo elemento mi ricorda alcune chiese toscane.




Oramai avrete capito che, quando visito posti nuovi, la cultura gastronomica è una parte delle mie necessità di conoscenza: per ogni monumento da scoprire, c'è un prodotto tipico da assaggiare :)
Ma nel caso dell'ultimo pranzo in Sicilia, prima di lasciare definitivamente l'isola, non si è trattato di una nuova degustazione, piuttosto di un ritorno alle origini, a quando mi approntavo a scoprire la Sicilia, a me allora terra completamente sconosciuta...
In una panetteria del centro di Monreale abbiamo preso u pani cunzatu, ed in diretta ho potuto seguire tutti i passaggi eseguiti con maestria dalla signora del negozio: una leccornia debordante di pomodori freschi, acciughe e capperi, il tutto condito con qualche giro di olio d'oliva..... Al solo pensiero mi vengono i crampi di fame anche se ho da poco finito di mangiare!


E dunque, siamo davvero giunti al termine del viaggio. Mi scuso se questo post possa esservi sembrato più lungo del solito, ma ci sono cose che non potevano essere trascurate e quindi sono andata un po' per le lunghe. Spero che abbiate ugualmente apprezzato e non vi siate addormentati lungo la lettura :)
Tanto bisognerà che attendiate almeno un annetto prima che possa tornare a parlare nuovamente di viaggi.

Ma se invece avete ancora voglia di leggere, vi metto qui i link delle puntate relative al primo viaggio in Sicilia, nonché le puntate relative a quest'ultimo viaggio:

E se le informazioni contenute in questi racconti non vi avessero completamente soddisfatto, potrete tempestarmi di domande scrivendomi all'indirizzo mail che trovate qui in alto a destra.

Vi bacio tutti e ci sentiamo per il prossimo post!

27 commenti:

  1. Che posto meraviglioso!! Vorrei immergermi in quell'acqua bellissima *-* !! Buona giornata Enza :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A chi lo dici! Anche noi abbiamo un bellissimo mare, eh?! Però quello ha colori davvero particolari e l'acqua è ancora più trasparente.

      Un bacio Dany!

      Elimina
  2. Bellissime foto ... ma del resto la sicilia è splendida e offre dei panorami e degli scenari davvero mozzafiato!
    io per esempio ho perso il fiato osservando quella brioches con la granita...
    SBAVO DALLA GOLA!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh già, le leccornie siciliane hanno il loro... buon perchè :)

      Elimina
  3. O_O voglio mangiare tutte quelle cose assolutamenteee O_O
    anche per me visitare un posto nuovo significa mangiare i cibi locali, è parte integrante del viaggio! Poi se i cibi sono delle Sicilia meglio ancora :-D

    grazie del resoconto, ho letto tutto con moltissimo piacere e mi sono gustata le tue bellissime foto. :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Laura cara! :)
      Si l'assaggio dei cibi locali permette di intensificare l'interazione con il luogo, è un modo per comprendere ancora meglio la nuova cultura con cui si entra in contatto.

      un bacio!!!

      Elimina
  4. Colori, sfumature, sapori e persino odori... tipici del sud. Una carrellata di foto che sembrano magia.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, colori e sapori che sembra portino lontano dalla realtà: è una bella sensazione :)

      Ciao Moz-!

      Elimina
  5. Quante belle foto e quanti colori brillanti!
    Mi hai fatto sognare ad occhi aperti!
    baci
    http://www.milanotime.net

    RispondiElimina
  6. Stupenda la Sicilia, mi è rimasta nel cuore! <3
    Vieni a vedere il mio nuovo OUTFIT? Mi piacerebbe sapere che cosa ne pensi! :)
    Un bacione,
    Eleonora
    www.it-girl.it
    It-Girl Facebook page

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo la Sicilia rimane el cuore, difficile non amarla.

      baci!

      Elimina
  7. Foto magnifiche!! una terra bellissima! ci devo fare un pensierino :) complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Andrea :)
      Si la Sicilia saprà meravigliarti ;-)

      Bacioni!

      Elimina
  8. che spettacolo! E dire che non sono ancora stata in Sicilia! Maledetta me! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Manu cara, la Sicilia sa regalare emozioni pertanto è duopo metterla in lista :)

      Elimina
  9. grazie per i tuoi interessantissimi consigli. passa a trovarmi. xoxo Rita Talks

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per la visita, passo! .)

      Elimina
  10. Io penso che anche questa parte sia favolosa, amo la sicilia e sono un mezzosangue. La riserva dello zingaro l'ho vista 10 anni fa se non sbaglio e mi aveva incantata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio così, le Riserva dello Zingaro è un posto incantevole ed il mare ha dei colori stupendi!

      Elimina
  11. che posti splendidi,bellissime foto
    http://tr3ndygirl.com
    buon inizio settimana
    un abbraccio

    RispondiElimina
  12. Mi manca questa parte della Sicilia, è meravigliosa e le tue foto sono fantastiche!
    Quella col mulo Nerone poi... lo dirò al mio Nerone (gatto!) che c'è un suo omonimo simpaticissimo e socievole..
    Quets'anno per noi niente Sicilia, però siamo appena tornati da un'altra isola, e ancora non m'è passato l'effeto vacanza...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sere! L'incontro con Nerone è stato un momento molto tenero, quel mulo mi ha dato un sacco di soddisfazioni. Vedessi come si prendeva le coccole!! :)

      Elimina
  13. Thx for the lovely comment, hope summer will arrive pretty soon at your place. Sending some sunshine your was.
    xox
    Lenya
    FashionDreams&Lifestyle

    RispondiElimina
  14. Mi manca Italia, mi manca, mi manca troppo :((((((
    baci ^_^

    nico

    www.nicoleta.me

    RispondiElimina
  15. Ciao Enza,

    J'adooooooooooooooooooooooore Sicilia!!!, questa terra meravigliosa mi ricorda casa mia, tanta luce, sole, cultura ritmi lenti, semplicità... Da Taormina a Palermo conosco molto bene la zona...La porto proprio nel mio cuore come la mia Barcelona .... quando sarò vecchiarella intendo prorprio trasferirmi lì, confesso che ogni volta che la devo lasciare mi viene il mal di "Sicilia"... Bellissime foto!!!
    Xoxo, Eva
    ps; sono ritornata una settimana fa da Sicilia!!!

    RispondiElimina