sabato 10 gennaio 2015

[Una gita a....] Un salto a Mentone e Montecarlo

Ciao a tutti e buon anno!! 
Lasciamo per un solo post Berlino per portarvi in Costa Azzurra, la parte della Francia più vicina al confine italiano ed alla regione Liguria.
Le ferie rigenerano e permettono di riposarsi, ma ogni tanto bisogna organizzare qualche diversivo fuori casa, altrimenti il rimbecillimento è dietro l'angolo. 
Come raccontai in questo post, nonostante la Costa Azzurra non sia molto distante da Savona, non oltrepasso spesso il confine nazionale, preferisco programmare le mie gite in luoghi italiani vicini alla Liguria, come ad esempio il Piemonte.
Tuttavia questa parte della Francia è una meta gettonata dai liguri per effettuare visite turistiche in giornata, godendo di un atmosfera che esula da quella contaminata dalla cultura italiana: in poche ore si possono raggiungere luoghi dove percepire un'aria diversa, quasi si fosse partiti per un viaggio in un'altra parte del Mondo....
In questo post vedrete la parte sobria e storica di Mentone e quella decisamente sfarzosa e stravagante di Montecarlo, due diverse facciate della Costa Azzurra.


lunedì 29 dicembre 2014

[Travel experience] Berlin, einfach faszinierend! #2

Ciao a tutti!! Spero abbiate trascorso serenamente le vostre vacanze natalizie ed un po' di riposo vi abbia resettato mente e spirito. Per il fisico.... be' si sa che durante questo tipo di festività difficilmente si riesce a mantenere una certa tonicità, a meno che non siate così fortunati ad avere una forma perfetta anche abbuffandovi: in questo caso sappiate che vi odio.
Ma scherzi a parte (un po' vi odio,però) ecco i post della mia vacanza a Berlino!!
Inizierei col darvi qualche informazione utile nel caso decidiate di visitare la capitale teutonica per la prima volta. Per ulteriori chiarimenti vi ricordo che potete usare liberamente l'indirizzo mail che trovate qui a destra.
Dunque...
In quale aeroporto atterrare: Tegel pare più comodo, perché più vicino al centro rispetto a Schönefeld. Da Tegel è sufficiente poi prendere il bus TXL per arrivare alla stazione di Alexander Plz per poi raggiungere qualsiasi altra destinazione in u-bahn (metropolitana), s-bahn (linea ferroviaria urbana, un po' come i nostri regionali, ma attraversano la città fermando in punti importanti) od ulteriore bus.
In quale zona pernottare: fattore importante è la vicinanza ad una stazione metropolitana ed essere nella zona A o B di Berlino.
Berlino è suddivisa in 3 aree, A, B e C, schema con il quale viene gestita la rete dei trasporti pubblici. Le zone A e B sono quelle dove si trovano la maggior parte  delle attrazioni turistiche, la zona C a sud-est di Berlino e una zona più residenziale, che comprende l'area dell'aeroporto di Schönefeld, Potsdam e Oranienburg.
Sulla base di questa suddivisione della città dipende il tariffario dei trasporti pubblici: le zone A e B sono regolate da un unica tariffa che aumenta nel caso in cui si voglia aggiungere anche la zona C.
Le zone più appetibili per cercare alloggio, oltre alle note zone di Friedrich str, Potsdamer plz ed Alexander plz, possono essere il quartiere di Charlottenburg a ovest di Tiergarten e la zona di Bernauer str. dove ho alloggiato io, con architettura tipica del vecchio est di Berlino, molto suggestiva. 
Agevolazioni per i mezzi di trasporto ed ingressi ai musei: per tutto questo c'è la Welcome Card, un biglietto cumulativo per i trasporti pubblici, da 1, 3 o 5 gg che consente di usufruire illimitatamente dei mezzi di trasporto, di sconti sugli ingressi ai musei e sconti in alcuni esercizi commerciali della città. 

Nelle prossime immagini vedrete il mio primo approccio con la capitale, ferita da numerose vicende nel corso del '900, come la costruzione del muro decisa dal governo sovietico che divise non solo Berlino ma l'Europa tutta, culturalmente e politicamente. Vicende che sembrano lontane, ma in realtà ancora molto vicine a noi....


venerdì 12 dicembre 2014

[Travel experience] Berlin, einfach faszinierend! #1

Ja, ich bin zuruek gekommen!!!
Ciao a tutti!!
Meno presente sul blog ma non vi abbandono,
non vi libererete facilmente di me, eheh :)
Prima di tutto: come state? Immagino sarete switchati in modalità jingle bells?!
Dunque.... tornata sul blog e tornata da una vacanza in Berlino, pianificata approfittando delle festività dell'8 dicembre e approfittando dell'atmosfera natalizia che in queste città è tutta un'altra cosa!!
Come alcuni di voi sapranno, non sono un'amante del periodo natalizio, troppo caos ma soprattutto troppo consumismo che fa a cazzotti con l'odierna condizione economica del nostro Paese, ma a Berlino il mio cuore si è emozionato un po' di più....I mercatini di Natale, con le loro leccornie, le tradizionali decorazioni ed il caldo Glühwein rendono tutto più magico, e la gente che si abbandona a lunghe soste nelle aree di ristoro con le persone a loro care, trasmettono serenità ed allegria..... Come qui in Italia, no? Già.
Ma Berlino è molto di più, 100 anni intrisi di vicende che hanno cambiato la storia della Germania e dell'Europa, un 900 attivamente parte della storia contemporanea. Una città perennemente pulsante di tendenze, dove l'arte ed i suoi artisti possono esprimesi in linguaggi visionari.

Come sempre, questa è soltanto una piccola intro ai prossimi post che seguiranno dove vi racconterò la mia vacanza in Berlin :)

einen großen Kuss
Enza
 


venerdì 24 ottobre 2014

[Fashion trend] Coca Cola loves Moschino

Fugace apparizione.
Approfitto della geniale operazione di marketing che Moschino ha realizzato
in occasione delle FW per presentare la sua collezione per l'estate 2015,
dove le prtotagoniste sono, fra i tanti gadget stra-fashion & stra-glamour, 
anche le lattine di Coca Cola light, customizzate e dedicate alla famosa casa di moda.
Come già ben, ben (!) saprete ne son state proposte tre tipologie:
una rosa con tanti cuori argentati "hearts",
 una molto minimal con il nome della maison disposto in modo da sembrare 
lo schema dell'oculista "eye chart"
e una con fantasia muccosa "cow print",
tutte in limited edition.


giovedì 2 ottobre 2014

[about me ] summer 2014 recap

Ciao a tutti!! E' un po' che manco vero?
L'estate 2014 è stata una stagione fiacca, che con le sue nuvole ha reso fiacca anche me. Moscia, forse è la parola più giusta. Il clima da queste parti ha decisamente influenzato il mio umore, arrivando alle porte dell'autunno con rari ricordi di un'estate - praticamente - mai esistita...
Inoltre altri interessi mi hanno un po' allontanato dalla blogosfera: le attività intellettuali più impegnative del solito, e quelle legate alla rete virtuale si sono circostritte al mondo di Instagram, scoperto non molto tempo fa e per il quale sono in fissa.
La fotocamera dello smartphone e la macchina fotografica sono diventate le mie appendici e con esse sono sempre alla ricerca del momento decisivo che possa darmi l'opportunità di portare a casa qualche scatto dignitoso. Purtroppo la mia lentezza non consente performance soddisfacenti, ed i momenti decisivi generalmente sfuggono all'obiettivo. Ma l'impegno non mi manca, pertanto persevero in questa missione. Risultato: ho il netbook intasato di milioni di foto, ma dello scatto che immortali il momento decisivo nemmeno l'ombra!
Tuttavia alcune immagini possono essere degne di condivisone, e allora ho pensato di riesordire fra queste pagine proponendovi una cosa del tipo "riassunto delle puntate precedenti" con una sintesi in immagini dell'estate appena trascorsa.


Maggio (mese non propriamente estivo, sebbene sia stato un mese molto caldo invece), 
week end nelle Langhe, zona del Piemonte che adoro. 
Il Monviso al tramonto, vista da Barbaresco: un tramonto, terso e colorato, 
che penso pochi se ne siano visti così durante l'uggiosa ultima estate.

giovedì 7 agosto 2014

Lifeingrams @pinkenzina71 - #1

Ecco che abbandono la latitanza e vi raggiungo nuovamente...
Come ve la state (s)passando in questo periodo in cui: belin, fa caldo per essere ottobre, eh?!
Vi dico solo che domenica scorsa sono andata a farmi una doccia solare e dopo 10 minuti di raggi UVA sono rinata. Finalmente potevo vedere un bel colorito "naturale" sul mio viso! Eh, eh :)
Dunque dopo i post storico-culturali sul mio viaggio in Sicilia ecco un post super-frivolo in cui le protagoniste sono alcune foto che ho condiviso sul mio profilo instagram, dove potete trovarmi come @pinkenzina71.
Anche io mi sono fatta travolgere dal vortice di questo social in cui si comunica tramite fotogrammi, hashtag e qualche sintetico commento. E' immediato, divertente e - perché no - stimolante, soprattutto per coloro che con il proprio fotogramma cercano di comunicare qualcosa, di condividere un momento particolare della propria vita con uno scatto artistico.
Beh, in queste fotine non vedrete nulla di impegnativo.... solo qualche nuovo acquisto, qualche passione culinaria (il cibo non mi abbandona mai!) ed altre cavolate :)
Bene, e allora ecco il mio primo lifeingrams post!

Serata cino-giappo almeno una volta a settimana.
Per chi fosse delle parti di Savona e provincia, vi segnalo il ristorante
Jin Du che trovo sia il migliore della zona.
Propone cucina cinese, tailandese e giapponese
non aderisce alla formula all you can eat ma i prezzi sono accessibili 
e la qualità dei prodotti decisamente alta.

giovedì 24 luglio 2014

[Travel experience] Frammenti di occidente siciliano #3

Hey!! Ciao a tutti! Dopo numerosi giorni di assenza (già, mi sono persa in ciance), bentrovati fra le pagine del mio blog. Con questo post il viaggio nella Sicilia occidentale giunge al termine. Ma è soltanto un arrivederci. eh?! ;-)


In questa parte di viaggio vi racconterò di altre mille sorprese che la Sicilia ha riservato per me e per i miei occhi, cominciando con gli incredibili colori che ho visto passeggiando per la Riserva dello Zingaro e che mi hanno ricordato un po' quelli magici della Grecia...
Ecco perché quando gli Elleni sbarcarono su queste coste, furono lieti di occupare i territori adiacenti e fondare le loro civiltà non facendosi mancare proprio nulla della loro cultura,  compresi i templi. In questo modo, dopo 2000 anni, abbiamo ancora la possibilità di ammirare le straordinarie eredità artistiche che ci hanno lasciato.