Travel, Food, Fashion, Beauty... and all other things make me happy

mercoledì 18 dicembre 2013

Una gita a...: Dal Balon a Carrù

Lo so, lo so... non mi merito le vostre visite.... Sono proprio negligente, sob :(
Ma credetemi se vi dico che è un periodo che sono più stanca del solito, inoltre è iniziato il loop degli ape e delle cene pre-natalizie in occasione delle quali tutto l'impegno di seguire la corretta alimentazione messo in atto nel corso dell'anno va a farsi fottere.
In questi giorni di delirio la mia attività nella blogosfera si limita a qualche visitina qua e la. Almeno cerco di non farvi mancare la mia presenza nei vostri blog che tanto mi divertono. E comunque senza la blogosfera non sarebbe più la stessa cosa.
... Pertanto, visto che ho delle cose carine e divertenti da raccontarvi e condividere, eccomi qua a fare due chiacchiere con voi.
Sono reduce da un week-end piemontese che mi ha dato grandi soddisfazioni. Sono andata a fare visita ad amici nelle valli di Lanzo, ho fatto un piacevole giro in Torino e, ciliegina sulla torta, sono andata a glorificare il bue a Carrù.
Lo scorso anno, proprio nel periodo natalizio, scoprii il Balon ed i suoi mercatini di Natale. Il Balon pittoresco quartiere della storica Torino, quella parte della città che ha un sacco di storie da raccontare, la più antica e la più multi-culturale... La parte di Torino dove tutto - più o meno - ebbe inizio.
Prima di questa meravigliosa scoperta, per me esisteva solo la Torino Sabauda, quella dei Re, della Torino capitale d'Italia, delle eleganti pasticcerie. Che ci fosse anche una Torino che sapesse di medioevo, borghi e mercati era a me del tutto sconosciuto....
La zona di Porta Palazzo, rinomata per il suo grande mercato all'aperto, sembra divida la vita di Torino in due cosmi, quello più popolare e quello più principesco: ed è proprio questo che secondo me arricchisce di fascino la città.
Tutto questo per dirvi che, seppur bazar-popolare, il quartiere del Balon merita assolutamente una visita, soprattutto nel periodo natalizio. Il Maglio, l'ex arsenale militare su cui è stato effettuato un bellissimo recupero urbano, ospita i mercatini di Natale, nonché stand gastronomici (immancabili nelle mie gite :) ) che propongono ottimi prodotti locali e di altri paesi d?Italia.
Ma come sempre vi lascio alle immagini più rappresentative di questa tre giorni piemontese.

Eccola, è lei!! Uno dei miei piatti preferiti. Ho sempre degustato battute al coltello di ottima qualità, 
ma questa a mio avviso le supera tutte. 
E' uno degli antipasti proposti dalla Taverna di Noè in Lanzo. 
Buonissime anche le sue pizze ed anche..... il cognac alle pere, per me immancabile ;-)

Il Turin Eye di Borgo Dora

Pausa pranzo presso gli stand collocati nel cortile del Maglio. 
Io ho scelto quello che propone piatti della tradizione piemontese.

Ecco qui: peperoni in bagna cauda e salsiccia in padella con salsa alle ortiche





Una piccola parte del mercato di Porta Palazzo: 
considerato uno dei più grandi mercati all'aperto d'Europa

Calendario dell'avvento in Piazza Castello

I Minion!!!!

Castello degli Acaja



Merenda al Convitto: cioccolata calda al Baileys

In viaggio verso Carrù

Pronta per la carrellata gastronomica: che sfida!!

Uno stand che ospita centinaia di persone, dove tutto è come in un vero ristorante: tovaglie di cotone, graziose stoviglie e calici di vetro. 
Una serie di portate servite dai volontari della Pro-loco, 
un'efficiente organizzazione che fa di questa fiera un'immancabile appuntamento, 
per chi desidera degustare uno dei prodotti tipici della tradizionale cucina di Carrù


Ci sentiamo prima di Natale, promesso! :)

Kisses Candiesssss

11 commenti:

  1. Bellissimo post!
    Amo quando si parla di cibo!! XD
    Anche io ho iniziato la carrellata di cene, aperitivi ecc, ma ancora con una certa moderazione XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Moderazione è un termine che in questi giorni di festa fatico ad utilizzare :D
      Per non sbagliarmi, "viaggio" con una scatola di analgesici nella borsa, cercando di limitare gli effetti dei bagordi.
      Oramai nel vortice, mi rassegno... Penserò al recupero della forma nell'anno nuovo.

      Ciao Moz-!!

      Elimina
  2. Hai l'innata capacità di farmi venire voglia di andare in ogni posto che descrivi!!
    A Torino ci sono stata 3 volte, ma ora ci voglio tornare la quarta dopo le tue foto e la descrizione!! Ormai se ne riparla il prossimo anno, magari con la scusa che in questi quartieri non ci sono mai passata!!! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie cara! Non sai quanto mi renda felice sapere che i miei pensieri suscitino interesse, perchè è proprio questo lo scopo: se una cosa mi è piaciuta e reputo che meriti, la pubblicizzo volentieri.
      Il Balon è la parte urbana di Torino che ha tanto da raccontare Poi una cosa che apprezzo di Torino è il fatto che gli eventi socio-culturali e l'impegno volto al recupero delle zone colpite dalla crisi industriale si percepiscono positivamente pertanto meritano di essere - come direbbero gli spagnoli, che secondo me rende come termine - disfrutate, cioè fruite e godute.
      Ma questo ovviamente vale per tutti i posti del nostro Bel Paese, soltanto che ci sono Comuni meno attenti e più pigri che potrebbero fare di più....

      Ciao Pam, un bacio!!!

      Elimina
  3. Ciao!
    Abbiamo trasferito il nostro blog, ti va di seguirci con gfc? Ovviamente ricambiamo!
    www.sevacolazione.blogspot.it
    S&V

    RispondiElimina
  4. Grande Enza, vedo che ti sei trattata benissimo, mi dispiace non averti vista, speriamo di riuscire al più presto, un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh,eh, Paoletta, la tua città dà sempre soddisfazioni :)
      Vedrai che riusciremo a combinare.... Magari un bicerin al Convitto ;-)

      un bacio cara

      Elimina
  5. bellissimo questo post :)) bello combinare le bellezze del posto con le specialità culinarie :)) un bel giro in piemonte lo devo fare prima o poi, è da un po' che manco! buon venerdì, ciao Andrea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Andrea! Il cibo fa parte della cultura ed è un elemento che completa la scoperta di posti che non fanno parte della propria origine. Quando vado in posti nuovi e degusto sapori che non conosco, è sempre una scoperta stimolante per palato, mente e spirito.

      Ciao e a presto!

      Elimina
  6. Mmmm, che bontà!

    Federica
    http://www.thecutielicious.com

    RispondiElimina