Travel, Food, Fashion, Beauty... and all other things make me happy

giovedì 12 marzo 2015

[Travel experience] Berlin, einfach faszinierend! #4

prima parte qui
seconda parte qui
terza parte qui

Ciao a tutti!! Alla vigilia della partenza per un'altra destinazione ed in piena modalità ansia per i preparativi, eccomi nuovamente qui per raccontarvi gli ultimi scampoli della scoperta di Berlino.


Una delle caratteristiche della capitale tedesca che io trovo assolutamente peculiare, e che deve essere vissuta per entrare nel mood berlinese, è riuscire a catturare le differenze ancora visibili fra i quartieri dell'est e quelli dell'ovest.
La pensione nella quale ho pernottato era in piena atmosfera est, zona Bernauer Strasse, un'atmosfera romantica che ho amato, quella nostalgia desiderosa di narrare la storia del tessuto urbano. Quell'input magico che permette di apprezzare di più una città quando la si visita.
Il muro, sebbene abbattuto per la maggior parte del suo tratto, è ancora tangibile. Non c'è, ma si vede: incontro e scontro fra architettura urbana d'avanguardia e poliedrica, quella dell'ovest, ed architettura rigorosamente conservatrice ed in serie, quella dell'est.




Fra i quartieri dell'ovest berlinese, molto elegante è quello di Charlottenburg, con il suo ampio viale Kurfürstendamm ed il suo lussuoso centro commerciale Ka De We. Verso la fine del XIX secolo,  Charlottenburg era la città più ricca della Prussia.
Molto suggestiva è la Kaiser-Wilhelm-Gedächtniskirche, la Chiesa che ancora mostra le ferite che la seconda guerra mondiale ha lasciato alla città.  La sua struttura, seppur severamente danneggiata, esprime ancora imponenza e monimentalità grazie agli elementi caratterstici dello stile neoromanico.








Passeggiando attravero Tiergarden, il grande parco che delimita la parte orientale del quartiere, e dirigendomi verso la colonna della Vittoria, mi fermo per visitare una delle storiche scuole di design, mito di ogni futuro architetto, la Bauhaus.
La scuola è ora soprattutto un museo che ospita una mostra permanente riguardante alcuni oggetti rappresentativi della storia del design, come i progetti di Breuer e Mies Van der Rohe, e mostre temporanee che illustrano opere dell'arte contemporanea.
La celebre colonna della Vittoria è il fulcro del Tiergarden, realizzata nel 1873 in onore della vittoria della Prussia. 




Oramai il giro per i mercatini di Natale fa parte dei quotidiani appuntamenti di questa vacanza. E penso a quanto mi mancheranno i gustosissimi currywurst quando sarò tornata a casa.....








Non tanto distante da Alexanderplatz, sorge un graziosissimo nucleo storico di Berlino, il Nicolaiviertel, il quartiere di San Nicola. E' la zona più antica della città, e le sue viuzze in ciottolato e le casette medievali allontanano il visitatore dalla tipica visione della Berlino post bellica, e l'atmosfera è assolutamente fiabesca.
Qui potete trovare molti ristorantini tipici, Gaststatte, arredati secondo le più antiche tradizioni. Per esperienza personale, consiglio la prenotazione, onde evitare di dover ripiegare con un banalissimo fast-food :-/




Nel quartiere di Kreutzberg, situato nella parte sud-orientale di Berlino ovest, si trova la Topografia del Terrore, una grande esposizione di fotografie e documenti dedicata al sistema del terrore pianificato dai nazionalsocialisti, i fedeli adepti alla politica di Hitler.
La struttura, che ospita l'esposizione, è stata costruita sulle rovine del quartier generale della polizia segreta tedesca GeStaPo


La sua storia rende Kreuzberg un quartiere molto particolare. Area importante per la sua centralità prima della costruzione del muro, area periferica e snobbata dopo la divisione di Berlino. Le strade che lo attraversano sono costeggiate da edifici ultra moderni del XIX secolo, ma anche da palazzi decisamente meno imponenti e trascurati, appartenenti all’allora zona più periferica che confinava con il muro.
Le intense vicissitudini politiche e culturali resero questa zona di Berlino terreno fertile per lo sviluppo di tendenze musicali e stravaganti espressioni stilistiche. Negli anni ’70 Kreuzberg era il luogo di culto del punk rock, e questo mi fa pensare a quanto sarebbe stato incredibile vivere quel pezzo di storia... Non dimentichiamoci che David Bowie venne ispirato proprio dalla travagliata condizione sociale che Berlino stava attravesando e grazie alla quale scrisse il celeberrimo brano "Heros".


Una volta abitato da turchi questa zona di Berlino conserva quell’atmosfera esotica grazie alla presenza di numerosi ristoranti che propongono tipi di cucina prevalentamente provenienti dal nord Africa e dall’Oriente.
Insomma, se sentite la mancanza di uno squisito kebab, non vi resta che andare a fare un giro a Kreuzberg!!




Come avrete potuto capire, la scoperta di Berlino è stata maggiormente dedicata alla comprensione della sua storia trascorsa nel XX sec. 
I giorni a disposizione non sono stati sufficienti per poter essere dedicati anche alle visite dei musei, alcuni dei quali molto importanti e conosciuti a liverro internazionale.
L'isola dei Musei situata nei pressi del Duomo, non tanto distante da Alexander Platz, è costituita da un gruppo di edifici nei quali sono custoditi reperti dell'arte egiziana, famoso è il busto di Nefertiti, alcune opere pittoriche del medioevo italiano, ed il Pergamon, una vasta raccolta di cimeli provenienti dall'antica città della Turchia.


Ancora due passi fra i graziosi mercatini di Alexander Platz prima del ritorno a casa. E l’ormai romantico ed imperdibile appuntamento con l’irresistibile currywurst <3.




Un bacio e... al prossimo racconto di viaggio!!
Enza

Uh! Non vi ho svelato la destiazione!
N Y ;)

13 commenti:

  1. Che bello il quartiere di San Nicola, bellissimo post Enzina e divertiti a N Y!!!

    RispondiElimina
  2. Questo post mi è piaciuto moltissimo, tornare per le vie di Berlino era proprio quello di cui avevo bisogno questo venerdì sera ;)! Io ho adorato questa città e l'ho trovata molto "simile" in un certo senso a Ny, la mia era solo un'impressione ma quando sono andata nella grande mela in qualche modo la mia impressione è stata confermata!
    Buon viaggio!

    Erika
    lens & anything else

    RispondiElimina
  3. Ao passar pela net encontrei seu blog, demorei algum tempo a ver o conteúdo, gostei e é um daqueles
    blogs que gostamos de visitar.
    Eu ficaria alegre se me desse a honra da sua visita e se poder ler um pouco do que escrevi.
    Tenha muita paz e saúde.
    Sou António Batalha.
    http://peregrinoeservoantoniobatalha.blogspot.pt/

    RispondiElimina
  4. Mi hai fatto venire una fame con quei currywurst... Non li conoscevo ma sembrano davvero squisiti!!
    Comunque Berlino non è proprio come me la immaginavo: fredda, austera e noiosa!! Dalle tue foto e dai tuoi racconti sembra tutto il contrario!!
    Buon viaggio!!

    RispondiElimina
  5. Bellissima e interessante sotto tanti punti di vista questa tappa del tuo viaggio! Grazie Enza!

    RispondiElimina
  6. new york *_* taaaaanta invidia tantissima!!!!
    divertiti!

    RispondiElimina
  7. Ciao Enzina, spero tu ti sia un po' ripresa, fatti forza ;-)

    RispondiElimina
  8. Mi hai fatto fare un viaggio sulla sedia con queste foto. Conosco molto bene Berlino e se potessi ci andrei a vivere di corsa. Una città così al passo con i tempi, ogni volta che ci vado ho la sensazione di sentirmi al mio posto. Comunque non riesco a capire come ti possa piacere il curry wurst :)))))
    Valentina
    http://www.mybubblyzone.com/

    RispondiElimina
  9. Bellissima Berlino. Che belle le foto mi hanno fatto desiderare di andarci visto che ancora non ci sono stata! Baci Elisabetta

    RispondiElimina
  10. e continua la tua travel experience! Che splendide foto!
    Da Ottobre avremo il volo diretto in città... non vedo l'ora di tornare a Berlino *.*

    RispondiElimina
  11. Ok, ho deciso: inserisco ufficialmente Berlino nella lista delle prossime città che voglio visitare :) Complimenti per le foto e per il tuo racconto, così ricco e coinvolgente che mi hai fatto desiderare di fare la valigia e partire domani! Non vedo l'ora di leggere il prossimo capitolo. Ti abbraccio e ti auguro uno stupendo proseguimento di settimana. Giada Mitzilove

    RispondiElimina
  12. Ciao Enza! Ora sono curiosissima di sapere del tuo viaggio in America! Ci avevi lasciate a Berlino e poi sei volata negli States?! FORTE! ma ci credo che hai bisogno di riprendere il ritmo! Baci e apresto

    sere

    RispondiElimina